Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Impegno e risultati

 Non chiedo mai " di che segno sei?".

Gli oroscopi lasciano la responsabilità al fato, alle stelle, a qualcosa fuor di noi, al fatto che sei fatto/a così e non puoi farci niente.

Io da sempre voglio sapere di poter incidere, migliorare ciò che mi pesa, mi fa male nella vita.

Certo, lo so, c'è un pezzo chissà quanto grande, che dipende da altro, con qualunque modo tu voglia definire "altro".


E' importante avere chiaro che ci sono cose che dipendono da me, ed altre no, che posso impegnarmi, ed allo stesso tempo devo poter accettare i limiti che esistono.

Ed è questo un compito importantissimo dei genitori, ad esempio, non dire sempre e solo no, ma neanche sempre e solo SI, come adesso mi sembra sia IL modo di (dis)educare.

Così facendo, non appena ci arriva un NO sulla faccia, andiamo in pezzi, o, più spesso, facciamo a pezzi l'altro.


Un NO è un semplice No se l'hai conosciuto ed incontrato, altrimenti è una detonazione, un allarme, un incomprensibile limite che non dovrebbe accadere a te.

Con quale diritto un altro/a ti dice di no?

Ti da un voto basso, ti chiede di abbassare la voce o di non correre al ristorante?


Dunque premessa forse larga fatta, mi preoccupa molto l'incapacità sempre più diffusa di non tollerare la frustrazione, ma anche per contestualizzare il contesto, oggi leggo


Non sperare più di quanto sei disposto a impegnarti

 Rita Mae Brown


Ecco a voi leoni e leonesse come me, la frase che ci regala questa settimana l' oroscopo di Rob Brezsny, l'unico che leggo, perché è sempre curioso, allarga vedute e conoscenze.


Puoi stamparla, riscrivere, taggarti, condividerla, ignorarla ovviamente nelle varie opzioni.

Per me, è come se qualcuno mi fosse venuto a tirare la giacchetta dandomi questo messaggio qui.


E forse ci sta anche con la mia premessa, quando speriamo che altri facciano cose al posto nostro.

Che ci arrivino in grembo i risultati come petali da un albero di pesco.


In quel caso, se e quando capitasse, io ricordo di ringraziare sempre.

Anzi non ho neanche bisogno di ricordare.

E' automatico.


Anche saper notare l'impegno degli altri, se non ti accorgi di nulla, non sai vedere e dare valore ai doni che la vita ti da.

E se la vita è un concetto troppo astratto, i doni che hai tu, quelli che altre persone condividono con te.


Guardati intorno, cos'è che hai ricevuto senza impegno?

In cosa sei dispost* ad impegnarti oggi?

Di cosa sei grat*?


Roar.



Lascia un commento