Dal senso di colpa al bisogno di mendicare amore

Ho trovato questo brano e lo trovo pieno di spunti.
Lo riporto qui, magari può essere utile a te che leggi in questo momento.


Sono stato cresciuto credendo che amore significasse aggrapparsi agli altri per una vita amabile, o permettere agli altri di aggrapparsi a te. 
L’amore era un dramma. L’amore era dolore.
L’amore aveva una qualità di dipendenza.

Credevo che amore significasse dimenticare i tuoi sentimenti e bisogni, silenziare la tua voce preziosa e unica, e cercare disperatamente di liberare gli altri attorno a te dal dolore, portare via le loro solitudini, metabolizzare i loro sentimenti non metabolizzati.

Un lavoro a tempo pieno, estenuante ed impossibile.
Non potevo guarirli. Semplicemente non potevo. E pensai che c’era qualcosa di orribilmente sbagliato in me per non essere in grado di guarirli.

Forse dovevo provare più intensamente, dare di più, esaurirmi di più.
Cattivo me, Inadeguato me. Me egoista e non gentile.
Non avevo idea di chi fossi.

Barcollavo nel buio, sapevo solo che fermarsi non era giusto, riposare non era giusto.


Non c’era rifugio; mi sentivo responsabile per i sentimenti di chiunque, giorno dopo giorno.

Volevo essere un “bravo ragazzo sensibile, che si prendeva cura degli altri, dolce, gentile”.
Fermarsi e riposare sarebbe stato egoistico.

Se me ne fossi andato sarei stato tormentato da sentimenti di colpa. Ero controllato dalla colpa, uno schiavo della colpa. E tutti intorno a me erano felici di nutrire questo senso di colpa.
Avevano bisogno di me tanto quanto io avevo bisogno di loro; una prigione di infelicità e bisogni non soddisfatti.
Ma almeno mi sentivo utile. E l’amore era bisogno giusto?
Ero disconnesso dal mio corpo, dal mio respiro, dai miei sentimenti, dalla mia verità.

Rabbia vulcanica e un terribile ed indicibile dolore ribollivano in me. [...] Non c’era nulla che potesse portare sollievo dalla tensione che avevo dentro. Nulla che rimuovesse questo torpore. Nulla che mi facesse sentire VIVO.

I miei strani pensieri e le mie fantasie non facevano altro che alimentare l’idea che ci fosse qualcosa di orribile e sbagliato in me. Che ero sbagliato, incompleto, guasto, senza valore, un terribile fallimento, destinato ad un cumulo di rifiuti, condannato ad essere solo per sempre.

Per dirla in modo semplice mi sentivo non meritevole d’amore, e così divenni un mendicate di quell’amore che non sarebbe mai arrivato a me.

Eppure avevo buoni risultati a scuola.
E così, nella sua suprema intelligenza, la vita mi ha messo in ginocchio.
La dipendenza è collassata sotto il suo stesso peso.
Penso che sarei morto ora se non fossi crollato.
Mi sono svegliato dal sogno d’amore.
Immediatamente una nuova vita ha preso forma. Una vita dove non era mio mestiere salvare tutti, salvarli da se stessi, portare via i loro dolori, le loro solitudini, le loro delusioni, la loro rabbia, le loro paure, le loro ansie, la loro tristezza. Non ero più schiavo della mia colpa.

I sentimenti non erano più un errore, o un segno del mio fallimento, ma preziose energie che volevano muoversi. Non dovevo vergognarmi di me stesso.

Avevo il diritto di dire no e si, e anche quello di dire non lo so.
Il diritto di restare, e il diritto di andarmene via.
Il diritto di prendermi il mio spazio.
Il diritto di dire la mia verità.
Il diritto di decidere con chi passare il mio tempo.
Il diritto della mia fede.
Di parlare la mia verità.
Il diritto di essere proprietario del mio cuore.

Dove gentilezza non significava più punire o esaurire me stesso per salvare o guarire gli altri, ma amare me stesso a sufficienza per ergermi nel mio pieno potere e ascoltare gli altri senza prendere su di me le loro pene.

C’è un potere nella presenza! E volutamente sentire la colpa, inchinarsi ad essa; non agire per evitarla. Ciò che possiedi, non ti possiede più.
A volte, quando smetti di provare a salvare qualcuno, quel qualcuno non lo gradisce.
Ti attacca verbalmente.
Ti aggredisce e ti chiama cattivo, non gentile, freddo, abbandonico.
Invece di incontrare il suo sentimento di rifiuto prova a fare sentire te in colpa.
Mette su di te la sua infelicità. Vuole “trattenerti”, vuole mantenere la sua fantasia di te.
Queste persone non vogliono veramente te, vogliono l’idea di te.

La lezione più liberatoria che imparerai mai è che: nessuno può farti sentire felice.
E tu non sei responsabile della felicità degli altri.
Sei libero. La felicità è la tua natura, e sempre lo è stata.
Perciò sii come il Sole, splendi.
Non attendere gli altri per splendere, non ti serve una scusa per risplendere, è la tua natura.
Non sentirti responsabile per tutti i soli che non hanno mai scoperto il loro scintillio. Splendi per te. Insegna con il tuo esempio.


Cammina il tuo sentiero con coraggio. E se gli altri sono tristi o invidiano il tuo scintillio, se ti giudicano, ti attaccano perché non li metti più al centro del tuo universo, è okay.
E’ il loro lavoro accettarlo, il loro cammino. Auguragli il meglio e vai.
E quando smetti di provare a salvare gli altri, quando smetti di essere la madre o il padre che non hanno mai avuto, puoi veramente amarli.

Puoi essere davvero presente, inamovibile.
Puoi amarli abbastanza da lasciarli andare, perché l’amore ha la fragranza della libertà.


- Jeff Foster


Commenti



Condivido quello che conosco, che imparo, che mi affascina. 
Scoperte e strumenti per vivere meglio.

Nome

aforismi,118,amore,84,artcounseling,75,Arte,14,ascolto,1,Assertività,13,Autostima,74,Barattolo della vita,36,benessere,23,bisogno,16,chakra,9,citazioni libri,15,colloquio counseling,21,competenze,63,comunicare il counseling,26,comunicazione,46,consapevolezza,149,coppia,38,counseling,73,counseling is good 4 you,5,creare,6,creatività,14,crescita personale,87,critica costruttiva,16,depressione,17,dialogo interno,6,dipendenza,26,distacchi,9,emozione,4,emozioni,53,empowerment,2,esercizi,28,etica,8,feedback,11,felicità,9,formazione,4,genitori,10,indirizzi utili,23,infertilità,5,istruzioni per il blog,1,laboratori,104,lettura,1,libri,78,lutto,9,marketing,7,metafore,82,metaprogrammi,6,morte,6,motivazione,15,musica,40,nel mio cassetto,60,nutrirsi,28,obiettivi,34,okeiness,5,paure,22,peanuts,16,Pensa positivo,12,percorso,25,personal branding,12,personalità,31,pittura emozionale,13,Poesia,45,prevenzione,9,procreazione assistita,4,Professione Counseling,42,psicoterapia,9,quadri miei,33,regole,6,relazioni,113,resilienza,3,ridiamoci su,81,riflessioni,82,scrittura,7,self marketing,17,self marketing creativo,14,sesso,30,smart,13,stalking,8,stress,27,strumenti,1,suicidio,10,tempo,14,testimonianze,8,tradimento,5,triangolo di sternberg,5,troisi,7,varie,41,violenza,14,vita,31,Watzlawick,7,x,89,
ltr
item
Counseling is good 4 you: Dal senso di colpa al bisogno di mendicare amore
Dal senso di colpa al bisogno di mendicare amore
Sono stato cresciuto credendo che amore significasse aggrapparsi agli altri per una vita amabile, o permettere agli altri di aggrapparsi a te.
https://1.bp.blogspot.com/-DMM_EDTKC6I/Xc0iuauC18I/AAAAAAAAYto/fMdLttYAVxwwoW1okO5fZczT5l3K_NnsACLcBGAsYHQ/s320/abbraccio.jpg
https://1.bp.blogspot.com/-DMM_EDTKC6I/Xc0iuauC18I/AAAAAAAAYto/fMdLttYAVxwwoW1okO5fZczT5l3K_NnsACLcBGAsYHQ/s72-c/abbraccio.jpg
Counseling is good 4 you
https://www.counselingstyle.it/2019/11/dal-senso-di-colpa-al-bisogno-di.html
https://www.counselingstyle.it/
https://www.counselingstyle.it/
https://www.counselingstyle.it/2019/11/dal-senso-di-colpa-al-bisogno-di.html
true
428896275979817482
UTF-8
Loaded All Posts Nessun post vedi tutti leggi Reply Cancel reply Delete di Home Pagine POSTS vedi tutti Potrebbero piacerti etichette Archivio Cerca Tutti gli articoli Nessun post Back Home Sunday Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat January February March April May June July August September October November December Jan Feb Mar Apr May Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dec just now 1 minute ago $$1$$ minutes ago 1 hour ago $$1$$ hours ago Yesterday $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago more than 5 weeks ago Followers Segui THIS PREMIUM CONTENT IS LOCKED STEP 1: Share to a social network STEP 2: Click the link on your social network Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy