Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Arrendersi o perseverare

Conosci la storia delle due rane nel secchio di latte?

Me ne ricordo quando mi chiedo se insistere o lasciar andare.

Eccola.


Due rane scivolano in un secchio di latte.
Cercano di uscire fuori ma le pareti del secchio erano troppo lisce.
Dopo molto tempo la rana più grande, esausta, perde le speranze e si arrende.
Saluta la compagna sfortunata e si lascia annegare nel latte.
La rana piccola dopo aver visto morire la rana grande continua a nuotare sperando di non fare la stessa fine.
Quando pensava di mollare e lasciarsi andare, la morte della rana grande le ricordava che doveva continuare per non morire.

Dopo diverse ore, esausta e indolenzita per la fatica, sentì sotto la zampa un pezzo duro nel latte.
Era un pezzo di burro formatosi dal lavorio delle sue zampette!

Allora si posizionò sul pezzo di burro e saltò fuori dal secchio.
Era libera. Era viva, finalmente in salvo!
----------------

Però a me piace anche mettermi sul dorso e riposare, e a volte non credo serva fare sempre gli stessi gesti per cercare un'uscita ma inventarne di nuovi.

Per esempio, mi piace disegnare, vorrei davvero tanto (motivazione) imparare a farlo da anni.
La mia sensazione è di impegnarmi, di dedicarmici, eppure i risultati non sono quelli che desidero.

Una frase mi è stata di illuminazione ed aiuto.
Il mio insegnante di disegno, calmo e serafico, nient'affatto ironico o svalutante, mi ha detto:
forse non lo stai facendo nel modo giusto.

Ecco, questo è l'aiuto che mi serviva a continuare a perseverare, senza rinunciare al mio desiderio, ma cercando una strada diversa.
Provando qualcosa che ancora non ho provato a fare (o non fare).

Spero che questa riflessione possa servire anche a te.






Cosa ne pensi?