Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Fine di una relazione. Inizio di nuove relazioni.

Sono interessante?

Ci sono momenti nella vita in cui un cambiamento inaspettato ci costringe a guardarci dentro ed intorno.
Una storia finita ci fa sentire confusi, senza direzione, senza senso, tristi e demotivati.


C'è chi reagisce immediatamente cercando occasioni per uscire, fare, alcuni di noi si riempiono semplicemente di lavoro, per riempire quel buco dolorante di vuoto inaspettato.

Quel buco fatto di domande che bruciano, a cui dovremmo con ogni probabilità trovare una risposta da soli.

Da dove ricominciare?

Da noi stessi, anche se ci sembra poco, ci sembra nulla, ci sembra una frase vuota e fatta di nulla.

Può essere la prima volta che una storia finisce, e dunque ci sembra impossibile poterci rialzare, oppure proprio perché è successo altre volte potremmo sentirci stanchi di ricominciare.

In questi momenti tendiamo a guardare cosa non c'è, potremmo sentirci non in grado,  improvvisamente inabili finanche di conversare.

Ci sono tante occasioni in cui sentiamo di non sapere, il che non è affatto un male.
Anzi, può offrirci lo spunto di voler scoprire qualcosa di nuovo, di noi stessi e fuori.

Qualcosa di cui appassionarci, un argomento, un attività.
Ci sono milioni di miliardi di cose con cui possiamo riprendere il gusto.

Tanti anni fa per me è stata la pittura, incontrata per caso, poi più di recente i fumetti.
Non importa che non so farlo bene, importa farlo, importa provare piacere nel provare, nel darsi la possibilità di migliorare, nel sentire che quel tempo si espande e con lui noi.

Avere una passione ci rimette in moto, in azione.
E cercando nuovi luoghi per esplorarla, entreremo in comunicazione con persone che hanno in comune con noi almeno una cosa.

Per essere interessante, devi essere interessato.
Curioso.
Desideroso di poterti occupare di quell'attività. E dunque di te.

Si chiama Nutrirsi.
Si chiama darsi cibo buono.

Avere una passione è un ottimo punto di partenza per ricominciare a relazionarti con te stesso e col mondo.


Invece di chiederti se sei interessante, perché potrebbe essere una domanda che ti rimbalza nella mente senza sosta e di fatto senza prove definitive a supporto di una tesi o di un altra, usa la tua energia per allargare i tuoi interessi, sviluppare nuove abilità, conoscenze ed esperienze e imparare a condividerle con gli altri.

1. Scopri e coltiva le tue passioni.

2. Scopri qual'è la passione di chi ti è di fronte e chiedi di parlarne.
Recenti ricerche  affermano che il parlare di sé stessi sia intrinsecamente piacevole; stimola gli stessi centri di ricompensa nel cervello dati dal sesso, cocaina e buon cibo.

3. Trova qualcosa che hanno in comune con te.
Ci sentiamo attratti da chi sentiamo simile a noi, per atteggiamenti e valori.
Anche qui se vuoi, ci sono ricerche, ma lo trovo piuttosto intuitivo.

4. Fai buone domande.
Per conversare non devi per forza dire qualcosa di profondamente intimo di te (anzi, di solito confidenze di questo tipo specie all'inizio di una conoscenza spaventano ed allontanano le persone), ma coinvolgere le persone in una conversazione.

 Passato, presente, futuro.
Se ancora non sai cosa dire, ecco una formula che non lascia mai senza parole.

Puoi fare una domanda sul:
- Passato: cosa hai fatto la scorsa estate, dove sei andato a scuola, da cosa ti sei vestito a carnevale.
- Presente: frequenti una palestra? ti trovi bene col tuo cellulare?
- Futuro: ti piace fare programmi per l'estate o decidi all'ultimo minuto?

Sono solo esempi per avviare una conversazione. Trova i tuoi.
Non troppo intime, né un interrogatorio.

Io per esempio non mi vesto a carnevale, ma ti risponderei che ho una nipote che lo fa tutto l'anno, che le piace da quando era piccolissima, e proverei piacere, perché ti parlerei di qualcosa di mio (punto 2) e  potresti rispondere con qualcosa che trovi simile (punto 3) e così la conversazione è partita.

5. Impara ad ascoltare
Chi si sente ascoltato, compreso, si sente bene.

Ascoltare è la parte dimenticata della comunicazione.
Prova semplicemente ad ascoltare, senza chiederti cosa dovresti dire, rispondere o contestare.
Lascia che qualcun altro ti racconti il suo punto di vista senza doverlo per forza convincere che è sbagliato.
Lasciati la libertà interiore di poterla pensare diversamente e lascia all'altro la stessa possibilità.
L'ascolto non ti toglie nulla, anzi ti può arricchire, se non lo rendi una lotta di supremazia, di intelligenza, di superiorità.

Per me ascoltare le storie degli altri è un grande dono, è avere la possibilità di guardare nel suo mondo, di sentire altri esperienze e punti di vista.
E' entusiasmante, coinvolgente, emozionante.

6. Sii curioso.
Apriti  a opinioni e punti di vista diversi, cerca attivamente nuove idee ed esperienze che cambieranno il tuo modo di pensare e sentire.
Viaggia, e se non puoi, leggere (oltre che ascoltare al punto 5) è uno strumento magnifico per aprirsi a nuovi mondi.
Così potresti aggiungere una domanda a chi incontri: stai leggendo qualcosa di bello ultimamente? Raccontami, cosa ti piace di quel libro?

7. Impara come raccontare una storia.
 Lo impari davvero solo attraverso la pratica, devi imparare cosa è troppo lungo e cosa è troppo breve, che dipende da chi hai di fronte e dai loro stati d'animo, da quanto le conosci.

Ogni storia ha un inizio, una parte centrale e una fine, può interessante, divertente finanche raccontare come cucini spaghetti aglio e olio.

Ho trovato molto bella questa frase di Marcus Geduld:
Inizia a pensare alla tua vita come un dono che puoi condividere con altri.
Avvolgilo nella carta migliore che riesci a trovare.

8. Incontra nuove persone.
Se una storia è finita, va bene chiedersi qual'è la nostra parte di responsabilità.
Ma non darci tutta la colpa.

Se una persona non ti ha apprezzato, o si è allontanata da te per millemila motivi, quella persona non è la totalità del tuo mondo e della tua vita, a meno che non sia tu a deciderlo.

Perciò.
Sviluppa nuovi interessi ricominciando da te.


Puoi essere interessante, se ti trovi interessante, se lo senti da dentro riempirsi quel vuoto di valore e di presenza.
Sii la persona che vorresti incontrare.





Il 17 Marzo c'è un laboratorio esperienziale sul valore di te.
Si chiama Valigià, e se ti sei ritrovato in qualcosa dell'articolo sopra, potrebbe esserti utile oltre ad essere una buona carezza che ti fai.





Nessun commento :