Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

La gabbia contro cui si spiaccicano i sogni

[..]l’energia di cui avremmo maggiormente bisogno è la passione.
Quella che ti spinge prima a immaginare il futuro e poi a crearne uno.

 Gli innocenti non sapevano che la cosa era impossibile e per questo la fecero, scriveva Bertrand Russell. E invece, dopo la breve sbornia obamiana, «yes we can» ha lasciato di nuovo il posto a «non si può», che è il mantra degli arresi, la gabbia contro cui si spiaccicano i sogni.

[..]
Ogni tanto bisognerebbe ricordarsi che siamo fatti di fango ma anche di stelle, che siamo cittadini e non sudditi, che la vita dipende in larga misura dalle nostre scelte personali e non da quelle della politica.

Che ogni Io fa parte di un Noi e che il Noi non è solo la nostra famiglia, ma le tante comunità a cui decidiamo di aderire.

Che se una cosa è pubblica appartiene a tutti, non a nessuno.
E che per ogni porta che si chiude c’è sempre una finestra che si sta aprendo da qualche altra parte.
A volte basta smettere di piangere e asciugarsi gli occhi per riuscire a vederla.

MASSIMO GRAMELLINI

18 commenti :

  1. Io amo Gramellini. E te che lo pubblichi sul tuo blog.Una cosa pubblica appartiene a tutti, non a nessuno.Vorrei che lo capissero tanti miei colleghi, e tanti gentili utenti che si credono in diritto di sputarci in faccia.

    RispondiElimina
  2. mi sembra un sillogismo,  per Gramellini ci sto...  

    RispondiElimina
  3. Hai sintetizzato il motivo per cui detesto le lagne e sto alla larga dai piagnoni. Amo la vita, quella che si vive 366 l'anno e non la morte del cuore di chi si piange addosso dando la colpa a tutti, società compresa, ma mai a se stesso.Bella citazione!

    RispondiElimina
  4. ihhhio mi piango addosso (specie se mi ammalo a natale)e la colpa la do quasi unicamente a me stessa....mi vuoi ancora bene?:-DD

    RispondiElimina
  5. Se non piangi addosso a me sì! ;)

    RispondiElimina
  6. Non sei molto credibile..

    RispondiElimina
  7. ahhhti chiamerei al prossimo virus, se non fosse che quando sto male mi piace crogiolarmi nel letto da sola a nn fare nulla, o al massimo chiamare qualcuno che mi può fisicamente portare: una mela, l'acqua, il pc, un libro...una cream..insomma tutte le cose che mi possono servire. by the way...sono ancora a letto.che mi porti?:-))

    RispondiElimina
  8. Dipende.. Devo scegliere io o hai qualche preferenza?

    RispondiElimina
  9. vorrei un  gelato per il mal di gola, ma poi nn posso per il mal di pancia.capito perchè il io soprannome è stropi?:-))

    RispondiElimina
  10. Allora un gelato senza latte, oppure di soia..

    RispondiElimina
  11. Ecco qua!! Non farti ingannare dalle apparenze, è innocuo per il pancino.. ;)

    RispondiElimina
  12. miiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiigrazie cioccolato!!c'hai preso. proprio quello che volevo!! 

    RispondiElimina
  13. Elena giusto tu...ho ancora 5 minuti spero solo 5 di autocompatimento...prendi i fazzoletti?

    RispondiElimina
  14. Ok, ma solo 5 minuti. Poi se cominci a sorridere ti porto la crema calda allo zenzero con i biscottini, se invece continui a piangere nulla..

    RispondiElimina
  15. nn mi fare dire parolacce.mmmmiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina