Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Castelli


Il nevrotico costruisce un castello sulle nuvole.


Lo psicotico è colui che ci abita e lo psicanalista é quello che incassa l'affitto.



Jerome Lawrence

19 commenti :

  1. Per fortuna invece è l'agenzia che ci aiuta a trovare una casa vera.

    RispondiElimina
  2. non ho ancora capito bene che differenza c'è e come vi spartite i clienti, comunque grazie di esistere a tutti (quelli capaci e competenti ovviamente).

    RispondiElimina
  3. buona questa. diciamo che è il counselor che ti aiuta a trovare casa?ahaha:-DD

    RispondiElimina
  4. uno psicoterapeuta può CURARE patologie che noi counselors manco ci possiamo avvicinare.noi possiamo lavorare:- con uno psicoterapeuta ( o prima o dopo o durante) nei casi di patologie- da soli nei casi altri (ovvero dove si parla di recupero di benessere, non stare male, ma senza per questo essere patologici. tutti i disturbi di personalità NON possiamo seguirli tanto per dire.es. se ti lasci con un fidanzato vai da un counselor per riniziare a vivere serenamente. se ti riempi di tagli perchè il fidanzato ti ha lasciato( tipico di comportamenti border line) vai da uno psi. ora è più chiaro?

    RispondiElimina
  5. si... quindi per problemi tipo depressione ansia, panico ecc. non si può andare da un counselor? o ci si può andare solo se questi non sfociano in comportamenti dannosi per sè e per gli altri? sono curiosa...

    RispondiElimina
  6. l'ansia è paura.per gli attacchi di panico personalmente ritengo che non sia sufficiente un counselor, anche se so di colleghi che hanno accettato clienti con questi problemi.qui c'è abbastanza per capire ( e nei prox giorni scriverò ancora)http://counseling.style.it/87/chi-va-da-un-counseloroppure leggi questa pagina, dove avevo inserito anche hin quali situazioni sono intervenuta personalmente come professionistahttp://www.energiacreativa.org/COUNS/bisogno.htm

    RispondiElimina
  7. ...io l'ho arredato un gran bene il castello...

    RispondiElimina
  8. @patalicemolte scarpiere soprattutto ;-)))))

    RispondiElimina
  9. Efficace questa immagine.Nelle mie visualizzazioni (negli incontri con una collega di studi che ha seguito unpercroso di formazione olistica, te ne ho già parlato, mi pare) io vedevo spesso i castelli in alto, arroccati tra monti inaccessibili e spigolosi e grigio chiaro... ma lissù c'era una gran luce... e che soddisfazione quando, dopo tanto tempo, ho visualizzato di esserci dentro la piazza di quel castello...Ah... (da leggersi come un sospirone di benessere... a pieni polmoni e con diaframma ben disteso!) ;)Come stai?

    RispondiElimina
  10. ... Poi arrivo io e do lo sfratto esecutivo a tutti.E' MIO IL CASTELLO!!!! E' MIOOOOOOOOOOOOO!!!!(sorry, deve essere la signorina influenza che mi fa straparlare)

    RispondiElimina
  11. ma se arrivo con uno spillo e vi buco la nuvola torniamo a giocare con la sabbia? okok vado

    RispondiElimina
  12. @Sono solo iosi mi dicevi che ultimamente non ti riescono le visualizzazioni. credo che le metafore autoprodotte abbiano spunti interessanti ed utili per la nostra direzione____________________@aleti faccio parlare con la mia signorina mononucleosi...oo che bel castello marcondirondiro....____________________-@Movidagià già mozione approvata perchè chi di noi vestirebbe la Tiara? 

    RispondiElimina
  13. eccomi...che lo psicanalista fosse quelo....non avevo dubbi...(scherzo, ovviamente: massimo rispetto)io invece non ho ancora capito bene la differenza tra counseling e coaching...Paolè, aiuto

    RispondiElimina
  14. ciao Claudiarbleggi qui (vs la fine)http://www.energiacreativa.org/COUNS/differenze.htmSecondo me i coach sono quelli che più studiano IL POSIZIONAMENTO da avere in termini di marketing.Quando sono stati più posizionati e posizionabili come "aiuto nel business" mi è sembrato che abbiano subito cercato di ampliare attraverso il "life coaching".ti dico la verità ormai mi sembrano molto vicini nelle definizioni, molto diversi nella sostanza quando fai un coloquio di coaching e uno di counseling ti accorgi della differenza.per me è come paragonare la carta vetro e la seta.personalmente sento la tecnica dietro i coach e pochissima attenzione e disponbibilità, apertura all'aspetto emozionale.visto che mi sento molto sufficientemente intellettuale e pensante, preferisco sicuramente l'approccio integrato della mia scuola (sia di vita che di counseling, pur essendo anche io master in PNL).

    RispondiElimina
  15. grazie Paoletta,secondo me è importante fare chiarezza (se a volte ho dubbi io che qcosa già ho fatto, figurati chi si avvicina la prima volta)...e con le persone che soffrono ed hanno bisogno di aiuto NON si scherza!!!(anche pchè, secondo me, c'è un limbo normativo che consente a molti di imbucarsi a prescindere dalla professionalità)ce ne fossero di toste/i come teun bacio 

    RispondiElimina
  16. io sono il castello.

    RispondiElimina
  17. io sono le regina.di picche.

    RispondiElimina
  18. e ovviamente sono anche un macchebelcastello marcondirondirondello.è ovvio.

    RispondiElimina
  19. soprattutto Marco!io almeno per una vagonata di anni

    RispondiElimina