Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

qui ed ora

Sbatto le palpebre per la stanchezza
e le mie ciglia emettono un suono minuscolo,
impercettibile
sul bianco sensibile dell’alto cuscino.


Fernando Pessoa, da “Il libro dell’Inquietudine”

10 commenti :

  1. Ciao Paoletta, bello Pessoa. Kiss

    RispondiElimina
  2. Si Clo. bello (con scelta...spesso pesaaante, almeno per me)

    RispondiElimina
  3. ti darei tante carezze

    RispondiElimina
  4. domani me le faccio dà. promesso

    RispondiElimina
  5. oggi io sono come quella della foto...devo ricominciare da me...di nuovo...ti posso  fare tante coccole?

    RispondiElimina
  6. le coccole le accetto sempre. com'è che "devi" ricominciare da te? novità che non so?

    RispondiElimina
  7. Capito qui per caso e resto molto colpita dal tuo blog, cosa assai rara per me ultimamente.  

    RispondiElimina
  8. Cara Zoeanche le cose belle capitano per caso.buon arrivo e buona permanenza...spero. 

    RispondiElimina
  9. si, sicuramente, mi piace molto qua e mi incuriosisce il tuo lavoro che vedo riflettersi in quello che scrivi, se non sbaglio

    RispondiElimina
  10. bellissima immagine... quella della palpebra che si chiude e si schiude a nuove immagini possibili.

    RispondiElimina