Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Ballare nella pioggia



La vita non è aspettare che passi la tempesta,
è imparare a ballare
nella pioggia.

34 commenti :

  1. pensa te. questa frase l'ho esportata giusto un paio di giorni fa....

    RispondiElimina
  2. da dove l'hai esportata?dal corazon?no..dai. eh  ho la febbre da una settimana e sto solo a casa, pensa se ballassi pure sotto la pioggia!!!

    RispondiElimina
  3. ooooooooooohhhhhhhhhhhhh :-))))))))))

    RispondiElimina
  4. @ eagle : ero certa di poter contare su di te!

    RispondiElimina
  5. avevo già fatto abbastanza casino nel post precedente:-D

    RispondiElimina
  6. paolè a questo proposito su radio deejay consigliavano la visione di "up" della pixar....counseling via diasegno animato!

    RispondiElimina
  7.  che bella frase!

    RispondiElimina
  8. solè tu sei un esperta di rqadio dj. purtroppo non so a cosa ti riferisci. mannaggia. ma che mi sto perdendo Fabio?

    RispondiElimina
  9. Pu si è una frase bellissima, mi fa ridere tanto oggi, visto che io mi ammalo anche solo restando a casa!!

    RispondiElimina
  10. Io non sono mai stata una brava danzatrice, ma sto riscoprendo il bello dei muscoli del mio corpo, il bello dei miei sensi, il bello del correre... così, anche sotto la tempesta, imparo a godermi il bello dell'acqua che mi bagna, del vento che mi percuote, dell'energia del fulmine, del rombo dei tuoni, del luccichio dei lampi... e sono contenta che ci sia anche questo.

    RispondiElimina
  11. sono solo ioriscoprendo il fuoco interiore? bello bello sentire la forza dei muscoli. io l'aqua preferisco sentirla da sotto le pezze. ma il bello bello di questa frase per me è  l'azione verso l'inazione e l'attesa. che attendere va bene ma non sospendere.

    RispondiElimina
  12. ah beh. io sono un'esperta magari di danza sotto la pioggia. che sia tropicale o transalpina... (ok. non somiglio alla tipa al # 3 ma...)se lo sono anche metaforicamente non lo so però.

    RispondiElimina
  13. root allora metti la tua foto, no?

    RispondiElimina
  14. è così divertente farlo!... e anche entrare nelle pozzanghere con tutti e due i piedi per sentire quel rumore bellissimo... sciaff sciaff!!!...propio come fanno instancabilmente i bambini! Bacioni!

    RispondiElimina
  15. bhadra sei una scoperta!!io da bambina sono sempre stata cagionevole ( e lo sono restata) ed anche molto spaventata e brava bambina per cui figurati se mi concedevo sti lussi.ma ora ballo..e quando ballo..gira il mondo gira e si gira anche a guardare me e sento il ritmo della vita che scorre dentro e fuori di me non è mai troppo tardi per avere un infanzia felice...poi ti dico chi lo diceva che ora non ricordo

    RispondiElimina
  16. non amo gli ombrelli

    RispondiElimina
  17. pimpi8400:26

    mi piace questa metafora... mi ha dato speranza in un momento in cui la mia vita è solo pioggia e tempesta e temporali.... grazie!!!

    RispondiElimina
  18. pimpi sono contenta che possa aiutarti. in effetti cambiare punto di vista, parole e metafore che utilizziamo molto spesso ci aiuta a stare meglio

    RispondiElimina
  19. uh. beh. ma non posso reggere il paragone con la figona di cui sopra... somiglio di + alla sedia direi...

    RispondiElimina
  20. beh, ballare sotto la pioggia non necessariamente fa ammalare in effetti...basta asciugarsi, dopo che si è ballato ;-)ciao paola!

    RispondiElimina
  21. Root...e adesso siediti su quella seggiola....pensa quanto sei erotica!!!  

    RispondiElimina
  22. Chiara Luz ciao e bentornata.si asciugarsi- dopo.

    RispondiElimina
  23. Fantastica sta cosa..

    RispondiElimina
  24. grazie Lanuittra qui e fb tutti impazziti a danzare sotto la pioggia.che questo wend si può fare, soprattutto al sud. uhhhh se si può fare

    RispondiElimina
  25. Mi permetto di osservare che *rootless*, con la sedia, non ha proprio niente a che fare. ;)

    RispondiElimina
  26. leggerezza16:41

    <span style=

    RispondiElimina
  27. leggerezza17:59

    qualche tempo fa, ballare sotto la pioggia mi avrebbe spaventato da morire.. la paura è diminuita da quando ho scoperto che bagnarsi significa vivere e posso aprire l’ombrello quando voglio.. ;-))))) 

    RispondiElimina
  28. grandiosooo leggerezza grandiosoonon avrei potuto dirlo meglio

    RispondiElimina
  29. leggerezza18:38

    grazieee..ho avuto un'ottima insegnante ;-)

    RispondiElimina
  30. eagle sshhh, è solo xché poi mi si dica che no, in realtà sono una strafiga...

    RispondiElimina
  31. @ rootless : sei una strafiga.te lo dico io.però, volendo, puoi anche dirtelo da sola. si chiama self marketing. paola docet.e funziona benissimocembaltrettantostrafiga

    RispondiElimina
  32. "Ognuno ha un peso da portare con sè...", canta Neffa, ma se decidi di tenere tutto dentro, prima o poi esplodi! Sarà che, essendo introversa, non mi riesce facile parlare di quello che provo con gli altri. E' per questo che ho deciso di scrivere!

    RispondiElimina
  33. Ciao Miss Dreamer, benvenuta.
    la scrittura è un meraviglioso modo per comunicare dentro e fuori di sé. :-)

    RispondiElimina