Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Il lato diabolico della malinconia


Il lato diabolico della malinconia è quello
non solo di far ammalare le sue vittime,
ma anche di renderle presuntuose e miopi,
addirittura quasi superbe.

Si crede di essere come Atlante che da solo
deve reggere sulle proprie spalle tutti i dolori e gli enigmi del mondo,

come se mille altri non sopportassero gli stessi dolori

e non vagassero nello stesso labirinto.



Hermann Hesse

35 commenti :

  1. si può aprire una ditta di traslochi! poi ce chi non parla e se li smazza da solo i dolori....

    RispondiElimina
  2. solè anche nn parlarne ammazza.così come parlarne al bar o prendere sostanze di qualsiasi tipo per sentirsi ok quando dentro stai male.cmq tanto sai che volevo dì;-)))) 

    RispondiElimina
  3. Eva al vostro servizio. Cosa posso fare per voi? 

    RispondiElimina
  4. mfp(movida for president)ps: ich liebe hermann hesse.

    RispondiElimina
  5. Movidainiziata bene la settimana...sono contenta.

    RispondiElimina
  6. a volte basta poco per scrollarsi di dosso la malinconia...un pò di volontà e  di umiltà...giusto!!! Non siamo soli...non siamo separati...io sono pronta! Un sorriso gigante e un bacione cara Pa!!!

    RispondiElimina
  7. Si Badhraè che qui molti/e scambiano la malinconia per l'albero e se la tengono stretta!!;-))))))))))))))))))))))))))))

    RispondiElimina
  8. io trovo che la malinconia sia un pò una scelta di vita... io l'ho fatta mia e non è niente male...

    RispondiElimina
  9. se può servire..... :-Dokok vado....

    RispondiElimina
  10.  verissimo!!!!!io ci soffro spesso ....ma adesso nn cè tempo per pensarci mi rimbocco le maniche e vado avanti..bacio!

    RispondiElimina
  11. deve reggere sulle proprie spalle tutti i dolori e gli enigmi del mondonon è esattamente una passeggiata.io, se posso, ne faccio volentieri a meno.

    RispondiElimina
  12. Patalicescusa, neh.ognuno è libero di scegliere la vita che vuole ma personalmente non capisco il messaggio di qualche giorno fa  nella mia tagboard  " patalice: ...forse giusto tu puoi aiutarmi.."  -----------------------------Pula malinconia esiste, eccome, specie con certi medicinali ad es. che a volte capita di dover prendere.ma se continua troppo a lungo, qualcosa va fatto. certo, a meno che la propria felicità non sia proprio l'infelicità ed andarla a raccontare e piangere agli altri. per essere compatiti, rassicurati, coccolati.bacio bacio PU__________________________________Eagleè il nome che non mi convince. sarebbe meglio che ne so? giustivik. efficacix, sanix, ecicredoix...;-)__________________________Cembyes. come sai anzi annuncio qui ufficialmente che ho interrotto la cura. stava facendo troppi danni "melanconici" e fisici.baciuz  

    RispondiElimina
  13. Secondo me la malinconia va condivisa cercando di non trasmetterla. A parte il fatto che sono un'inguaribile logorroica e che non sto zitta nemmeno con la laringo-tracheite, piuttosto tiro su i cartelli come il gorilla di nonna Abelarda, c'è una malinconia positiva che viene dal ricordo e dal rimpianto quello dolce, dal "come eravamo" e dal "che scemi siamo stati", dai vestiti con le spalline da giocatori di football e i capelli cotonati. Quella malinconia mi piace, anche se a volte, ascoltando True e Save a prayer mi scende la lacrimuccia.

    RispondiElimina
  14. @ patalice : scusa neh. ma il tuo commento mi martella in testa e non riesco a star zitta.la malinconia è una scelta di vita? forse. sì, a volte lo è. senza dubbio.dissento sul fatto che non sia niente male, però.è che a volte fa più comodo dirsi così che dirsi la verità. io credo. ecco.

    RispondiElimina
  15. UUUUUHHHH si si Ale66anche a me quella piace. qui credo sia intesa come uno dei primi nomi che fu dato alla depressione.e certo io di condivisione come sai ci ho fatto un lavoro, ma una cosa è quando è fatta in luogo appropriato, con persone che hanno scelto di accoglierla e finalizzata a stare meglio. altra cosa è quando è intesa come odddddddio come soffro fatemi soffrire e non c'è verso e siete tutti deficienti che voi non capite quanto si può stare male.ihih. come vedi...abnche io logorroica ;-))ora mi vado a sentire cosa dici tu.

    RispondiElimina
  16. ho ripreso la mia scatola di matitone pure io te volevo dì!!!!!

    RispondiElimina
  17. Solèvero?????miiiii che bello. io sto preparando 26 regali a manina!!!!giòà quasi tutti finiti ma...confesso. alcuni sono talmente belli che li tengo per me 

    RispondiElimina
  18. siemo sempre lì.il doolore è inevitabile.la sofferenza la alimentiamo.e diciamolo. dai. è (anche) questione di ego. di protagonismo. quel voler essere al centro dell'attenzione, quell'essere bambini viziati che guai a non darci retta, che guai a non farci trovare la pappa pronta, che guai a contraddirlci. e quale palcoscenico più grande della vita per chi vuole recitare questa parte?

    RispondiElimina
  19. marò paolè ti prenoto per le eventuali bomboniere! giusto tieniteli per te!!!! dici che siamo egoiste?? noooooooooo!

    RispondiElimina
  20. MFPclap CLAP clap CLAP clap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAPclap CLAP clap CLAP

    RispondiElimina
  21. Solè che fai ti sposi? cmq li fotografo prima di darli, perchè visti tutti insieme credo siano più belli che separati.e dietro ognuno c'è....un Aforisma!!scritto anche lui a manina. sono una donna di altri tempi, solo che non ci voglio ancora credere;-))

    RispondiElimina
  22. Non sono mai stata solitària: né da sola né con qualcun altro. Ma mi sarebbe piaciuto, in fondo, essere solitària. Solitudine significa: finalmente sono tuttoIl cielo sopra Berlino, Win Wenders:*

    RispondiElimina
  23. io ho portato la corniceper il commento n. 24

    RispondiElimina
  24. no no paolè...nel caso ti avviso perchè poi ti  devi vestire "meringata"!

    RispondiElimina
  25. Movida ...today it's your day!!! grazie della citazione e di tutti i commenti :-)))Energia ma hai ricevuto il mio sms? il rapporto me lo da per consegnato alle 10:44 del mattino ma il tuo silenzio mi fa pensare al contrario :-(mi sarebbbe tanto piaciuto prendere un caffé... 

    RispondiElimina
  26. Trinty ti ho  risposto. mannaggia che ero appena arrivata a casa quando l'ho ricevuto. next time- I promise.I want to. che emoziooone!!

    RispondiElimina
  27. Che dire? io non sono molto d'accordo. Non è che sia la malinconia a render (mi) illusoriamente "pilastro" del mondo. Né viceversa, credermi punto nevralgico di tante vite, fonte di ispirazione, meta di doveri e responsabilità (eventualmente fallite) ma rende malinconica.Direi che la malinconia, per me è lo stato che meglio si accompagna alla delusione, all'irrealizzato verso cui si rivolge lo sguardo speranzoso... e così, accanto alla delusione, si staglia lei, la maliconia, che sta lì a ricordarti ciò che potevi godere e non hai più.

    RispondiElimina
  28. Sono solo ioho riletto twice il tuo commento.il punto che volevo sottolineare è: tutti soffriamo. alcuni si imnnammorano della sofferenza, anche come maschera che li separa dal mondo.e a volte, dimenticano loro stessi che l'hanno indossata e potrebbero toglierla.credo che tu abbia inteso il termine più come Alessandra 66 ma lì siamo d'accordo, come sguardo al passato.qui è piuttosto presente e futuro..sempre nero sempre oscuro. sempre nessuno peggio di me...nessuno mi può (giudicare nemmeno tu) aiutare, nemmeno tu.si vive esclusi dal mondo e si escludono gli altri, sentendo solitudine.la condivisione di stati d'animo aiuta a venirne fuori- quando e se disponibili- ascoltando che non siamo gli unici sfigati o cosa nel creato.

    RispondiElimina
  29. Io lo intendo più come vena depressiva, derivante proprio dal fallimento, più che come "nostalgia".Di certo c'è che la condivisione è sempre importante, del positivo così come del negativo.Ultimamente che di cambiamenti ne sto facendo forse tanti, forse nessuno, mi sento malinconica... e ne parlo... ma non trovo risposte e corro solo il rischio di "contagiare" tutti (coem mi  già accaduto venerdi di due sett fa) con questa sorta di immobilità ristagnante e senza speranza.

    RispondiElimina
  30. malinconia: non voglio dire nessuno sta peggio di me o nessuno mi può aiutare: è proprio negli altri (che puntualmente mi deludono ) che cerco l'aiuto...non mi piace essere presa da pensieri negativi e rimanere nella mia assenza ma credo si possa accettare quel senso di vuoto, di smarrimento, per elaborarlo e poterci passare su....per questo occorre tempo e amore verso noi stessi ma è dura, perchè teoricamente so cosa è giusto e cosa no, ma la mente ed il cuore non obbediscono come un soldato e così ti ritrovi ad essere ciò che proprio non vuoi e a fare a botte con te stessa....

    RispondiElimina
  31. Riccia gli altri immagino ti deludono perchè è difficile ascoltare senza sentire dentro di sè il dolore dell'altro. e le persone magari nn sanno prima che non sapranno farlo e scapperanno, oppure non sanno dirti : ora no, non ce la faccio perchè si sentono cattivi o inadeguati e non si può ammettere di non farcela.quando ci rivolgiamo a chi lo fa per scelta e/o professione allora qualcosa può cambiare, anche nella sensazione di poterci abbandonare, fidare, stare bene o stare male, cambiare quello che vogliamo cambiare.no. mai detto che siamo soldati piuttosto carrozzehttp://counseling.style.it/294/la-metafora-di-gurdjieffcmq bentornata qui

    RispondiElimina
  32. MFP:-)PS: I  GURDJIEFF !!!!!

    RispondiElimina
  33. Cembolinaaaaaaaaaaaaaaaaaquesta carrozza mi pare quella dei funerali.ora ti do la mia versione di carrozza. ovvia. scontata lo so...non ridere troppo

    RispondiElimina
  34. no beh è che a me la carrozza che ho scelto fa pensare a ben altro. ma quella è un'altra storia. una vecchia storia.qui: http://cembolina.style.it/183/in-carrozza

    RispondiElimina