Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Paura del buio e della luce

Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio.

La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce.


Platone

16 commenti :

  1. Chissà perché ma le verità sugli uomini sono sempre le stesse, anche a distanza di millenni... sarà cher nonostante i computer piccolissimi, la conquista dello spazio e ogni forma di progresso possibile alla fine la nostra essenza e le nostre assenze sono le medesime.

    RispondiElimina
  2. già già...quasi un anno fa postavo: La nostra paura più profonda non è quella di essere inadeguati.La nostra paura più grande è che noi siamo potenti al di là di ogni misura.E’ la nostra luce, non il nostro buio ciò che ci spaventa.Ci domandiamo: “Chi sono io per essere brillante, magnifico, pieno di talento, favoloso?”.In realtà, chi sei tu per non esserlo? Tu sei un figlio dell’Universo.Il tuo giocare a sminuirti non serve al mondo.Non c’è nulla di illuminato nel rimpicciolirsi in modo che gli altri non si sentano insicuri intorno a noi.Noi siamo fatti per risplendere come fanno i bambini.Noi siamo fatti per rendere manifesta la gloria dell’universo che è in noi.Non solo in alcuni di noi, è in ognuno di noi.E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, noi, inconsciamente,diamo alle altre persone il permesso di fare la stessa cosa.Quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri. Nelson Mandela -----------ma a dirti la verità oggi per me è veramente un giorno pieno di ombre per non dire pieno di m....

    RispondiElimina
  3. Già. Cmq io ho paura del buio, da quando da ragazzina ho visto l'esorcista

    RispondiElimina
  4. Cara Sfiàgà devi sapere che penso che non potrei averti come cliente perchè ti scoppierei a ridere in faccia. grazie cmq per questa risata in una giornata, come dicevo...molto e m...sull'esoricista..anche io ho una storia bellissima. ma tu , eri già nata?

    RispondiElimina
  5. Chissà che ho commentato quella volta... Ma tu come mai oggi m...?Se vuoi ti rigiro gli sms pseudo galatni che un ragazzetto mi invia oggi :) mi fa sentire tanto "femmina" e nmi fa un sacco ridere... :P

    RispondiElimina
  6. Sono solo io...ora ci guardo, m,a mi sa che ancora non ci conoscevamo.allora oggi...ne dico solo una, perchè la mia seduta da cliente me la son dovuta fare .. questo è Napolidietro casa dei miei, di mia sorella, di mia zia, dell'azienda di mio padre. dietro vuol dire meno di un kilometro.inutile che ti elenco i miei pensieri.e preoccupazioni.  

    RispondiElimina
  7. qah comq gli sms sono curiosa...almeno mi distraggo un pò come dice Sfi... ps. bellissimo sentirsi femmina. 

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che imrpessione! e ti credo che i pensieri che ti passano per la mente sono tanti... io sari morta di paura. Mamma mia, che definire ansiosa è un eufemismo, sarebbe già al collasso.Quanto ai messaggini... il biondino di cui si parlò già a fine agosto in un paio di tuoi commenti... è piccolo, carino, fermamente intenzionato a provarci con me a tutti i costi... e quando mi sento poco "femmina" e tanto "cenerentola" come per magia arriva un sms (ma per caso sul serio eh!... nessuna fata madrina!) è già mi strappa un sorriso.

    RispondiElimina
  9. belli belli messaggini. e che te lo strappi pure il sorriso. anche io oggi sembro uscita dalle fiabe...maga magò!! mi sò tagliata i capelli e stanno dritti in testa

    RispondiElimina
  10. ricordo il post di un anno fa. :-)bellissimo.così come questo. molto molto significativo. ;-)

    RispondiElimina
  11. Eagle...trovato il post ....11 ottobre letto e commentato solo da te..quand'eri ancora Maddie, in gennaio...#1 Maddie   [Eagle30] all'epoca non ti conoscevo ancora....questo è splendido!!!x#2 EnergiaCreativa e ora ci conosciamo e conosciamo anche le nostre paure!!pensa che storia...bacio 

    RispondiElimina
  12. Quando usci il film no, mi pare che sia del 1973(almeno così dice Wikipedia). L'ho visto la prima volta attorno ai 14 anni con i miei cugini e le famose videocassette pezzoto. Durante l'estate ci organizzavamo per vedere una serie di film horror, volevamo fare i fichi. Ma quando arrivammo a questo, me la feci davvero sotto. Qualche anno fa, poi sono andata al cinema a vedere l'esorcismo di Emily Rose, a metà film sono uscita dalla sala a fumarmi una sigaretta! Ehehehe comunque che facciamo invertiamo le parti? Io ti faccio la terapia della risata

    RispondiElimina
  13. si...invertiamo pure divertendoci...tu porta anche i pannolini... 

    RispondiElimina
  14. EHEHEH Ti porto direttamente quello che riempie i pannolini. Un minuto e ti faccio arrecreare!

    RispondiElimina
  15. leggerezza18:40

    paura della luce per me vuol dire temere di essere troppo felice, di "godere" troppo.. meno male che a volte poi mi lascio andare così posso gustarmi tutto il calore che arriva dalla luce.. ;-)

    RispondiElimina
  16. leggerezza....ecco, come faccio a risponderti? che qualunque cosa sembra un doppio senso.ripensando a quella quella bellissima immagine della spiaggia...e va bene così, il tuo vero io non ha paura di nessuna luce;-))))) 

    RispondiElimina