Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Ascolto ed amorevolezza di sé

Ritrovarsi in se stessi, come un ritorno in un posto che non ricordiamo più com'è, in cui non andiamo da tanto tempo ed abbiamo paura di trovarlo più polveroso, buio o con troppa roba una sull'altra che non sai neanche più cosa c'è sotto.

Se ti cadrà tutto addosso, o se è vuoto come se non ci fosse stato mai nessuno; di arrivare e sentire una temperatura o uno spazio che ci respinge, pur sapendo che è il nostro.


Non tornare ad ascoltarsi dentro da tanto tempo può essere così, possiamo aver perso confidenza, sfuggire dai quei tempi, luoghi come da una zia che si trucca troppo o che è troppo sciatta e non ci assomiglia più, e soprattutto non abbiamo alcuna voglia di andare a trovare.

Ma il ritorno dentro di sé è necessario, vitale, indispensabile.
E' riposarsi, ritrovare gioia e ricchezze, comprendere cosa ci piace e dove andarlo a cercare anche fuori, dopo averlo trovato dentro.

Respirare dentro di sé vuol dire compiere quel viaggio di amorevolezza e di vicinanza con se stessi, accorgersi che è tanto che ci si tratta male, che ci si priva di cose che ci fanno bene.

Per cose non intendo affatto quelle che son costose eppure continuiamo a comprare, il cellulare semprepiùgrande e la borsa firmata, le unghie colorate più di quanto ormai ci sentiamo dentro.

Per cose intendo carezze, attenzioni, disponibilità, apertura.
Tempo per se, con la fiducia che troveremo bellezza e armonia.
Di essere capaci di crearla, di mollare la critica e il sapersi concentrare solo su quello che non va.


Tornare ad essere noi stessi, respirare sentire, riconquistare il senso che ha per noi, quello che desideriamo davvero.

Tante, troppe persone chiedono agli altri di credere ed investire su di loro, ma non sono disposti a farlo per primi.

Come chiedere di aver fiducia se tu non ti fidi di te, se non ti frequenti, se non ti sopporti, se non ti piaci?
Come chiedi agli altri di sceglierti se non sai davvero come sei e cosa vuoi?
Ascoltarsi dentro vuol dire riaprire un dialogo in cui cominci o ricominci a volerti bene.

Dedicarti amore ed attenzione.
Conoscenza, fatta di parole emozioni e gesti, colori.

Se voi unirti a noi, l'11 Febbraio vieni a respirarti dentro.
Lo faremo in un modo piacevole, creativo, a cui accederemo attraverso una meditazione guidata, ovvero attraverso uno stato di quiete e di respiro.
Per raggiungere noi come siamo veramente, per provare gioia nell'incontro con noi stessi,
entusiasmo.
Perché la mente da sola non basta, anzi spesso inganna e boicotta.
Si racconta una storia che non ha più senso e vita, allora tu vieni a sentirla davvero la tua storia e a scoprire come vuoi che continui.

Un percorso individuale o di gruppo è un opportunità che regali a te stesso per migliorare la tua vita, sia relazionale che professionale.


Paola Bonavolontà


Un nuovo mondo: Riconosci il vero senso della tua vita. 
Eckhart Tolle

Quando siete in uno stato di quiete, allora, come non mai, siete veramente, essenzialmente e profondamente voi stessi.

Il grande sorge dalle piccole cose che sono onorate e delle quali ci si prende cura. La vita di ognuno è fatta di piccole cose. La grandezza è un’astrazione mentale ed è una delle fantasie favorite dell’ego. Il paradosso è che il fondamento per la grandezza è proprio l’onorare le piccole cose del momento presente, invece di inseguire l’idea della grandezza. Il momento presente è sempre piccolo nel senso che è sempre semplice, ma racchiuso in esso vi è il potere più grande.

ogni volta che c’è un’ispirazione, che si traduce come “in spirito”, ed entusiasmo, che significa “in Dio”, vi è un potenziamento creativo che va ben al di là di quello di cui una semplice persona è capace.

L’entusiasmo significa che vi è un gioire profondo in quello che fate con in più una visione in direzione della quale lavorate. Quando aggiungete un obiettivo al gioire, il campo di energia o la frequenza vibrazionale cambia. Un certo grado di quello che potremmo chiamare tensione strutturale viene ora aggiunto al gioire, che così diventa entusiasmo. Al culmine dell’attività creativa, alimentata dall’entusiasmo, dietro quello che fate vi saranno una incredibile intensità ed energia. Vi sentirete come una freccia lanciata verso l’obiettivo, e vi godrete il viaggio.

Nessun commento :