Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Quando lasciar andare un amico

"Friend is a shelter in a rainy day" un amico è un rifugio nei giorni di pioggia.
Una delle spiegazioni più ciniche che ho sentito negli Stati Uniti è  che di un amico ne hai bisogno solo nei giorni di pioggia.



Di solito non serve affatto, e cerchi un amico solo quando ne hai bisogno TU.
Ti senti triste, lamentoso, e hai bisogno di qualcuno con cui sfogarti, praticamente ti rivolgi a lui/lei solo quando sei al buio, nel fango, in pigiamone con la febbre.

Una persona che ignori quando sei al meglio e col sorriso, la PRETENDI quando improvvisamente ti accorgi di volere una spalla su cui piangere.
O quando non hai nulla di meglio da fare.

Nei sunny day, nei giorni di sole, scompari tu, perché tanto sei felice, e chi ti ha aiutato a reggere i fazzoletti e ti ha ascoltato, ti è stato accanto nella difficoltà, non ti serve, preferisci altro.

Che tipo di amico sei tu e di che amicizie ti circondi?
Sunny o rainy day?
Cosa cerchi e quando nelle tue amicizie?

Dal libro di Suzanne Degges-White e Judy Pochel Van Tieghem "Toxic Friendships. Knowing the Rules and Dealing with the Friends Who Break Them"ovvero " Amicizie tossiche. Conoscere le regole e avere a che fare con amici che le rompono",
cinque domande da porsi PRIMA di interrompere un amicizia.

1. Il tuo bisogno è stato espresso chiaramente?

Anche i nostri amici più stretti non leggono la mente. Comunicare apertamente è il modo migliore per migliorare le probabilità che le tue esigenze siano soddisfatte. Non dare la colpa ad un amico per averti ignorato quando non hai inviato una chiara richiesta di aiuto.

2. È un amico a cui daresti quello che chiedi?

Sii sicuro di avere aspettative ragionevoli. Amici disposti a mollare tutto e venire in tuo aiuto sono fantastici - e alcuni di noi possono effettivamente avere amici così. Ma non tutti gli amici possono volerlo, poterlo o saperlo fare.
Non è detto che - nel momento esatto in cui ne hai bisogno, possano mettere la propria vita in attesa, mettere da parte le esigenze delle loro famiglie, o annullare i loro piani quando ne hai bisogno.

3. Passi più tempo a chiedere aiuto che a darlo?

A volte, dobbiamo avere uno sguardo onesto verso noi stessi e capire se siamo più "bisognosi" che amici. Se sei perennemente bisognoso di sostegno, tendi a chiedere molto più spesso che a dare, magari dovresti sviluppare più indipendenza, sicurezza ed autonomia.
 (Altrove, aggiungo io. Da un professionista.
Ognuno di noi ha una vita a volte molto complessa e stancante, frenetica e stressante. Non tutti ne parlano con gli amici, magari perché preferiscono dedicare il tempo dell'incontro o della telefonata a distrarsi dai propri di problemi, e non riuscirebbero a sobbarcarsi il peso, il dolore, la preoccupazione anche di quelli di un altro.
Magari cercano anche di aiutarti una volta, ma se sei spesso nel bisogno, forse è davvero il momento di trovare nuove strade, lasciare all'amicizia- o all'amore- i piaceri e depositare rabbie, insoddisfazioni, lì dove possono evolvere e essere trasformati.

Se invece sei tu l'amico a cui tanti si rivolgono spesso per chiederti aiuto, prosciugando le tue energie, lasciandoti svuotato e solo a gestire i tuoi problemi, perché ti chiedono ma non ti offrono, è sicuramente doloroso.
Sei probabilmente un bravo ascoltatore, ma magari non sai mettere adeguati confini, non sai dire di no quando è troppo per te, o perché la stessa persona è sempre alla tua porta, a ripetere le stesse cose che stai ascoltando da mesi.
Magari potresti aiutarla consigliandola un aiuto professionale.
Proporre a qualcuno di trovare uno spazio di ascolto dedicato può essere una grande scoperta, e potranno veramente esservene grati per sempre. )

4. È la prima volta che ti hanno deluso, o ti succede spesso?

Dare il beneficio del dubbio ha un senso, ma se ti  trovi costantemente a guardarsi intorno per qualcuno che non c'è mai, è probabilmente il momento di rivalutare. Chiediamoci quando è stata l'ultima volta che l'amico ha partecipato attivamente alla relazione e stabilire se perseverare o chiudere.

5. Fa parte di un gruppo più ampio di amici?

In questo caso un rapporto che  termina potrebbe presentare grandi sfide;  è auspicabile comunicare apertamente,  onestamente, e con calma su ciò che succede. Se nulla cambia, considera di accettare il tuo amico come è. Intenzionalmente spostare l'attenzione dall'amico deludente all'apprezzamento degli altri amici del gruppo.


Il tradimento o la delusione è sempre doloroso,  ma sviluppiamo le abilità sociali ed esploriamo le circostanze dell'incidente prima di prendere decisioni difficili da annullare.
Non tutti gli amici possono soddisfare le tue esigenze.

Se credi che un amico proprio non si avvicina, potrebbe essere il momento di decidere se il valore che si ottiene dal rapporto vale lo sforzo necessario per mantenerlo.




Nessun commento :