Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Se non fossi stata sveglia me lo sarei perso

Quanto corriamo in fretta nella vita,  in fondo perdendo tutto nella corsa.

O, anche, quanto siamo davvero non dormienti nella nostra veglia?



Oggi muore Seamus Heaney, premio Nobel per la letteratura.
‘Had I not been awake’

Had I not been awake I would have missed it,
A wind that rose and whirled until the roof
Pattered with quick leaves off the sycamore
And got me up, the whole of me a-patter,
Alive and ticking like an electric fence:
Had I not been awake I would have missed it
It came and went so unexpectedly
And almost it seemed dangerously,
Returning like an animal to the house,
A courier blast that there and then
Lapsed ordinary. But not ever
Afterwards. And not now.
“Non fossi stato sveglio”

Non fossi stato sveglio, me lo sarei perso,
Un vento che si levò e vorticò fino a che il tetto
ticchettò delle foglie acute dell’acero
e mi fece alzare, anch’io tutto un ticchettio
vivo e ronzante come un reticolato elettrico:
non fossi stato sveglio, me lo sarei perso
venne e se ne andò così inaspettatamente
e quasi parve pericolosamente,
tornando come un animale alla tana,
una folata messaggera che lì per lì
cedette, usuale. Ma mai da allora.
E non adesso.




Io sono contenta di essere stata sveglia quando si è alzato il sole e ho scattato queste foto, ospite della natura sempre meravigliosa e magica.

e tu di cosa sei contento/a di essere stata sveglio/a?


Nessun commento :