Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

La disgrazia dei narcisi

Narcisista é un insulto.
un etichetta, sempre più comune per descrivere un carattere alquanto inquietante, che non sa vivere, non sa amare, non sa godere.
Ma solo ferirsi e ferire.


Non sente, non tocca. Seduce e scappa.
Spesso non resta a consumare quello che ha voluto con così tanta convinzione fino all'attimo prima.
Si gira e non gli interessa più.

E' complesso da comprendere. Il mito di Narciso innamorato di se è insufficiente ed inganna.
Non è solo quello. Anzi.

Il Narciso non si ama. Si svaluta. e svaluta il mondo.
Incastrato dal dover essere perfetto e pretendere che chi gli sta accanto lo sia, e sia disposto a confermarlo di continuo.
Una condanna straziante dal quale si salva solo per il suo "non sentire".
fino a quando accade qualcosa che tocca proprio lì, la ferita.

Anni fa ad un congresso sentii per la prima volta un terapeuta difendere i narcisi con un amorevolezza mai udita.
Disse: Non affrettatevi a etichettarli, giudicarli, esserne infastiditi.
Nel narcisista c'è un dolore troppo forte da sentire. Disgregante.

Difficile non sentire dentro di me quello che mi accorgo èessere un giudizio, ovvero:
che incredibile spreco di vita e di emozioni. Di incontri.
Di amore.

La vera pazzia è quella che loro considerano un segno di equilibrio mentale, cioè la mancanza di emozioni. cit dott. S. Valvo


Ma forse é anche meglio offenderla, la gente, almeno ci si salva dalla disgrazia di amarla.
L'adolescente, F.M.Dostoevskij


approfondimenti preziosi (e comprensibili) sui narcisisti clicca qui

Nessun commento :