Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Tutto l'amore che posso.

Sto preparando un laboratorio sulla gratitudine.

Sul perché dovremmo rallegrarci.
Trovo risposte semplici, talmente tanto che mi sorprendo e dico: niente di più "grande " di questo?


Sono grata perché cammino.
Ogni volta che metto un piede dietro l'altro scorgo la grazia e il miracolo di ossa e muscoli e tendini e impulsi elettrici di cui non so niente che sono organizzati per consentirmi di camminare, senza pensarci.
Sono grata per essere tornata in palestra, beh, certo, fare i conti con l'essermi fermata un anno.
Ma l'anno è passato ed ora posso ricordarmi solo cos'è stato, tutto quel non capire, cosa stesse succedendo, perché il mio corpo, che amo tanto e curo, non rispondesse più a me.


Mi sembra un miracolo avere (quasi) 46 anni.
Poter usare ancora  le mie mani per creare, dipingere, tenere per mano, aiutare a rialzare.
Poter usare ancora i miei occhi per leggere.

A volte mi chiedo se il fatto di essere grata di tutte le piccole cose mi tiene lontana dal desiderarne ancora altre.
Il tenermi stretto e gioire di quello che ho mi fa rendere conto che già c'è.

Sono costantemente attenta a ringraziare ogni giorno, me e le carezze che mi si fanno, e i regali di questa vita.
Incontro spesso i grandi drammi.
Quelli giganti, grandissimi, quelli che mi fanno chiedere se come e mai potrei venirne fuori.

Poi trovo le risposte, o almeno alcune, che mi aiutano a proseguire.
Che puoi sempre cercare di ringraziare per quello che è arrivato.

Per quello che è stato. Anche se davvero è solo passato e non ci sarà nel futuro mai più.

Allora oltre ad essere grata di ciò che ho, esprimo anche un desiderio:
di continuare così, di tenermi in vita con amore, e circondarmi di tutto l'amore che posso.



Se vuoi condividere per cosa ti rallegri e il tuo desiderio scrivi nei commenti o a paola@counselingstyle.it .

Nessun commento :