Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

La paura insegna

Cosa abbiamo imparato?

Questa sarebbe "la" domanda da porsi ogni sera prima di andare a dormire, invece di affermazioni che abbattono solo il nostro umore e la nostra autostima come "avrei dovuto invece", "ho sbagliato a".



Sabato scorso insieme a un gruppo di coraggiose e un solo uomo, conduttore insieme a me, abbiamo affrontato un tema impegnativo ed ingombrante: le Paure.

Quelle che agli altri sembrano piccole, quelle che sono grandi e non hanno soluzione, quelle insistenti e inesistenti.

Abbiamo imparato che la condivisione alleggerisce l'animo, ci fa sentire più uguali e meno soli, il condividere ci fa scoprire che di paure ne abbiamo tutti, e spesso ci tengono lontane gli uni dagli altri.


Abbiamo imparato che metterle su un foglio, con parole o segni aiuta a poterle guardare e superare, abbiamo imparato che alcune ci servono e non ce ne vogliamo separare.
Abbiamo imparato ad ascoltarle queste paure, ad ingigantirle volutamente per poi lasciarle.

Ognuno ha fatto il suo percorso, arrivando all'appuntamento o negandoselo.

Io arrivando in macchina ho iniziato a ricordare pezzi di vita a cui non pensavo da tanto, in cui, so solo adesso, che quella che provavo era paura.
Una paura che non mi ha  immobilizzata ma a volte anestetizzata.

La paura è un segnale, ignorarlo vuol dire rischiare. Spegnerlo vuol dire mettersi in pericolo.
Sentirlo di continuo vuol dire farsi male e vivere in gabbia.


Noi ci siamo passati in mezzo, abbiamo sentito il verso che fa, la forma che ha, e abbiamo acquisito nuove forme e nuovi suoni. Nuove connessioni.




Nessun commento :