Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Sono incinta?

Lo voglio o non lo voglio?
Cosa devo fare?
Oddio che ansia che mi sale.

Parole di una giovane donna che è passata dal divertimento alla paura di essere incinta.

Ora se credete che un counselor sia colui o colei che le consiglia cosa fare, ecco. Capite male.

c'è da accogliere e ascoltare le parti nuove, quelle sorprese, spaventate, quelle che vorrebbero correre a eliminare, quelle che non vedono l'ora di vederlo crescere e saltare.

in questi casi non si può fare il giudice, nè dire "ci potevi pensare prima", nè il prete: "non l'avresti dovuto fare".
credo che questo sia veramente un ottimo esempio di ciò che il counselor NON è: non è un consigliere, non è un giudice, non è un padre, nè un prete.

Il counselor non può schierarsi od avere sue preferenze, o esplicitarle.
neanche se nella sua vita anche la sola possibilità di una gravidanza gli è negata per sempre, neanche se conosce il dolore di altre coppie che provano e riprovano e piangono e la gioia di qualcuna su tante che riesce.

Non può essere un terrorista che minaccia un ipotesi futura in cui lo vorrà e forse non riuscirà.


Il counselor è una persona che accoglie, ascolta, facilita la persona ad ascoltare dentro di se quali sono i suoi desideri, a farli parlare e scontrare, a farli riconoscere.

opposti, lontani, pensieri in conflitto e resi più pressanti dalla fretta.


Io non so cosa deciderà, posso immaginare il dolore, e riconosco il mio e lo metto da parte.
perchè parlando con giovani donne comprendi quanto spesso si fa sesso senza volersi bene, non tanto e non solo all'altro che è con te, ma a te stessa.

non si protegge il se fisico, non solo da gravidanze ma anche da malattie, da future difficoltà di concepire.

si fa per tristezza, si fa perchè non si sa dire di no, si fa perchè si crede che l'altro si aspetta questo, si fa perchè si è ubriache, si fa perchè non avevamo niente da dirci,  perchè è un periodo che ho bisogno di non pensare, perchè non ho fiducia che ci sia niente di meglio per me.



Mi chiedo se avessimo fiducia in noi stesse e nel futuro, nella possibilità di dire no se non abbiamo voglia e nel nostro diritto a gridare e riconoscere il si lo voglio ma protetta ecco mi chiedo se tanti graffi nell'anima ce li potremmo risparmiare.


6 commenti :

Anonimo ha detto...

Grazie Paola!
La tua esperienza condivisa è senz'altro un arricchimento per chi si ferma un secondo a leggere queste tue parole...
Non sempre è facile rimanere nel "qui e ora" senza ricadere nei propri vissuti o pregiudizi...
Grazie ancora;))
Nati

Energia Creativa ha detto...

Grazie Nati,
grazie a te di esserti fermata a commentare.
abbraccio grande

Michela ha detto...

Ciao Paola ... complimenti per il tuo lavoro ... quello che fai è davvero IMPORTANTE e non credo sia semplice ... non è mai semplice non farsi coinvolgere dalle varie situazioni che ci "circondano" ... 1 bacione-one-one

Energia Creativa ha detto...

Grazie Michela
no, non è semplice.
mi prendo tutto il bacione one che mi da calore

Cla ha detto...

"Mi chiedo se avessimo fiducia in noi stesse e nel futuro, se tanti graffi dell'anima ce li potremmo risparmiare"....... me la porto via questa frase, posso?...:-) Ti abbraccio, super!

Energia Creativa ha detto...

porta pure. e grazie per l'abbraccio.

parola d'ordine per il giorno di oggi: fiducia.
anzi no ordine (che non conosco) ma mantra....