Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

La danza del fuoco

Ho ripreso danza, oggi, dopo la pausa estiva.
Il corpo non mente mai, proprio mai. E' stata una lezione molto coinvolgente, e sono convinta che non ci sia teoria che tenga, la pratica é tutt'altro, non si impara ad entrare in empatia sui libri, non si conosce neanche se stessi sui libri, lo dice una che i libri se li mangia, li beve, li divora, li consuma, li piega, li sottolinea, ci dorme su e li porta a pacchi in vacanza e torna che son finiti tutti, e a volte non son neanche bastati.

La danza è liberatoria e ci libera, e ci racconta. Noi raccontiamo attraverso i gesti del nostro corpo, da come camminiamo, a come ci fermiamo davanti alle persone, i nostri corpi sono lì a dire cosa pensiamo e proviamo, se solo li stiamo ad ascoltare, ad osservare.
Ed allora è successo che io quando lavoro con Fernando - che insegna Danzamovimentoterapia- sono gelosa del fatto che lui non abbia mai bisogno di nulla nel setting, se non della musica e dei nostri corpi.
ed a volte in realtà della musica possiamo farne anche a meno,  usiamo i nostri corpi come strumenti musicali.

Nei laboratori che conduco da sola ci sono carte, plastiche, colori, pennarelli, fiori, gessetti, pastelli a cera, pennelli, carta, cartone, acqua, colla, rami, conchiglie e biglie colorate. Mi ci vogliono due giorni tra preparare e poi rimettere a posto.

Oggi lui ci ha fatto dipingere con i nostri corpi. Non abbiamo avuto bisogno di altro che dei nostri corpi. I piedi prima, poi le ginocchia, i fianchi, dipingere con la schiena e con le spalle, con le braccia, lanciare il colore, con le unghie, dipingere l'aria, la terra.
Mi sono immersa in enormi pennellate di blu, gialli e rossi, a un tratto mi sono messa sotto una doccia intensa di colori.  Come una cascata, mi sono dipinta il viso e il corpo come in una tribu in mezzo alla foresta.

Tutto totalmente reale. E poi in chiusura la danza della spirale, come ad entrare in una conchiglia e poi immaginare di uscirne, e di nuovo il mio corpo si è piegato, arrotolato, esteso e ha iniziato a seguire la trasformazione ed allora subito mi è venuto il mente l'altro laboratorio che sto preparando, il fuoco, che è simbolo di trasformazione.

Così in un attimo il mio corpo è diventato una fiamma, che danzava con le altre fiamme e fiammelle intorno, e siamo diventate un unico fuoco e poi tanti separati, e poi i rossi si sono uniti ai gialli e ai blu del fuoco.

Che mi ero fumata?
Se le persone provassero il benessere a cui può condurci la nostra immaginazione con una meditazione - in movimento o no- credo non ci sarebbe più bisogno di alcol o sigarette ed altre dipendenze, perchè sapremmo procurarci un intenso piacere solo col potere della mente. Usando il nostro corpo con amore.

2 commenti :

Elena T. ha detto...

Viva il potere della mente e abbasso tutte le dipendenze da sempre!! :)

EnergiaCreativa ha detto...

yeahhhhhh