Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

il counseling e il tè


Ho scelto il racconto del professore (vedi qui)  perchè è una buona metafora di cosa succede nel counseling.

Le persone desiderano risposte, ma non le possono ascoltare senza prima fare spazio.

Lo spazio si crea svuotando il proprio sacco, perchè imbrigliati tra i dolori e i pesi, ci sono le nostre risorse, ma così come sono, mescolate e compresse non possiamo utilizzarle.

Perciò nei primi colloqui si scopre un bisogno fino ad allora totalmente ignorato di far scorrere un fiume di parole.
E finalmente sono lì, fuori e fanno meno male e sono meno confuse e paurose.

Anche noi counselor, psicologi e co, dobbiamo depositare i nostri pesi per poter accogliere l'altro, altrimenti non c'è spazio.

Ora Edo mi esorta a chiudere il  mio percorso perchè anche le tazze del tè hanno un fondo, ed è bello pensare che aver toccato il fondo in questa connotazione tutta positiva.

C'è un nuovo spazio dentro e fuori di me.

10 commenti :

carriebranch ha detto...

Felice gioverì dottoressa

EnergiaCreativa ha detto...

ciao Carrie..felice gioverì pure a te

Io sono anonimo ha detto...

sarà per questo che ho deciso di chiamarmi "leggerezza" ? credo proprio di sì! ;-)

leggerezza ha detto...

ops.. scusate.. nel commento precedente non è comparso il mio nome!

EnergiaCreativa ha detto...

ihih leggerezza...giàààà

soleiris ha detto...

devi lasciare sempre spazio per te paolè! altrimenti ti riempi di cose non tue che occupano troppo spazio, fanno polvere....

EnergiaCreativa ha detto...

mia cara Solè...se vuoi polvere a casa mia quanta ne vuoi!!!bacione..

soleiris ha detto...

pure da me! ho comprato un kit di swifter! te li mando!

gius ha detto...

Lo sai, dottoressa? Io sarò presuntuoso, ma invece di essere vicino a toccare il fondo mi pare di stare per volare fuori, dalla tazza. O magari, più verosimilmente, sto solo tracimando, come quel famoso tè.

EnergiaCreativa ha detto...

caro Giusmi sa che è la stanchezza delll'ora...ma non ho capito la metafora...ti senti come nelle tazze del luna park?cambia gioco...