Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Come reagisci agli eventi critici?

le possibili risposte emotive delle persone di fronte ad eventi critici (Cusano, 2002):


~ reazioni emotive tolleranti:
la persona riesce a mantenere una buona padronanza di sé, quindi un controllo delle proprie emozioni e delle proprie azioni, reagendo con lucidità e consapevolezza rispetto al proprio comportamento. Alcune persone, pur mostrando una buona risposta emotiva all'evento, possono però manifestare
alcuni sintomi come insonnia, irritabilità, depressione, ansia, col trascorrere dei giorni e dei mesi; si parla in questi casi di reazioni differite, che possono evolvere nel tempo con una remissione o un peggioramento dei sintomi;
~ reazioni iperemotive di breve durata:
la persona reagisce manifestando risposte emotive di una certa intensità: ansia, depressione, tremori, nausea, tachicardia, shock, ecc. (pensiamo ad es. a quando facciamo un incidente stradale, anche di lieve entità); questi sintomi tendono gradualmente ad attenuarsi nel corso dei giorni successivi all'evento critico;

~ reazioni emotive gravemente inadeguate:
l'intensità delle risposte emotive in questo caso è eccessiva, si riscontrano:
azioni disorganizzate e caotiche, che possono diventare pericolose per sé e per le persone vicine, stato confusionale e forte senso di smarrimento, episodi deliranti, forte stato depressivo, ecc.

La conseguenza più grave che si può avere in caso di esposizione a forti shock senza un'opportuna rielaborazione del trauma è il Disturbo post-traumatico da stress (DPTS), che si manifesta con svariati sintomi nel periodi successivi all'evento traumatico:

1) depressione, perdita d'interesse rispetto alle attività quotidiane
2) irritabilità e nervosismo
3) distacco emotivo, anaffettività verso il partner
4) mancanza di ottimismo e progettualità rispetto al proprio futuro
5) disturbi del sonno
6) perdita dell' appetito
7) sintomi psicosomatici: nausea, vomito, cefalea, ulcera, colite, ipertensione, gastrite, ecc.
8) episodi di allucinazione, frequente ricorrenza di pensieri ed immagini intrusive che ripropongono scene dell'evento traumatico vissuto; tali immagini irrompono anche nei sogni notturni dando luogo a veri e propri incubi.
Per la gravità di questi sintomi è indispensabile il ricorso a forme di intervento psicoterapeutico.
 
Come reagire di fronte a una persona in panico?
E' inutile cercare di far ragionare la persona in preda al panico attraverso argomentazioni logiche e razionali (se la persona ha un parziale azzeramento della vista e dell'udito, non è in grado di seguire ciò che le viene indicato e detto, così come non è in grado di leggere i cartelli, ecc.).
un primo rimedio consiste nell' allontanare la persona in preda al panico il più presto possibile, e portarla in una zona sicura (o meno pericolosa).
Questo vale per la persona che manifesta iperagitazione e per la persona che si blocca; in questo secondo caso però, è possibile posticipare "l'azione di salvataggio" se si ritiene che la persona si sia bloccata in una zona dove tutto sommato non corre rischi.

L'allontanamento della persona in preda al panico è importante per un altro motivo:

di fronte alle complesse manifestazioni di panico, può infatti scatenarsi quello che è il cosiddetto effetto contagio, che porta le persone a ripetere quello che vedono fare ad un altro.
Questa è una caratteristica di tutte le emozioni.

Nel caso del panico, a causa del suo effetto devastante, è importantissimo riuscire a limitare l'effetto contagio il più possibile.

fonte: corso di formazione volontari protezione civile -Comune di Bologna

Nessun commento :