Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Il quinto assioma di Watzlawick

So che vi mancava Watzlawick.
Ma il quinto assioma a cosa serve?


Tantissimo ... a noi donne, se esiste la misura, ancora più di tantissimo.
basta ricordarci che se (e quando) ci sentiamo inferiori, c'è anche la nostra responsabilità in questo.


nell'acconsentire.
come quando crediamo a nostro marito che dice" una come te non ce la può fare". è una bugia.
E' un attacco alla simmetria.

Sono messaggi invalidanti, sminuenti.

Attenzione perché a volte (spesso) sono i genitori a dirne.
Perciò crescendo, continuiamo a crederci, quando ci scegliamo un partner che ripete la "favola" familiare.

Io, mi conoscete ormai da un po', l'ho detto, sono un amazzone.
Ho avuto la mia prima moto a 6 anni.
Ho imparato il windsurf allo stretto di Messina, cadere significava essere aggredita dal ghiaccio liquido e un errore poteva farmi finire a Scilla.
Ho solcato montagne disegnando con le mie gambe segni perfetti e netti nella neve immacolata.

Però mi suona ancora la voce di mia madre:
"Paola, proprio tu non lo puoi fare. Sei tanto fragile e ti fai male"

(riflessione: almeno mi farei male da sola....)

e l'altra frase: "sei troppo sensibile".

Ora, vedete bene il lavoro che faccio.
Immaginate questa frase quanto può influire su di me e farmi chiedere: fino a quando riuscirò a farlo?
E mi risuona quella frase di quel marito di quella ragazza giovane e in gamba che lascia in due giorni il suo lavoro perché crede a ciò che lui le dice.
Io apprezzandola mi stupisco e mi indegno che obbedisca al suo incantesimo.

Ecco, quella frase "una come te non ce la può fare" l'hanno detta anche a me.

L'importante è che ognuna di noi smetta di ascoltarla.

assiomi precedenti:
1.Non si può non comunicare
2.Ogni comunicazione ha due livelli, uno di contenuto, uno di relazione
3. La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura
4. Gli esseri umani comunicano sia in digitale che in analogico.
5. Gli scambi comunicativi possono essere simmetrici o complementari.

10 commenti :

Cembolina ha detto...

bingo!per quanto mi riguarda ci hai preso in pieno :Perciò crescendo, continuiamo a crederci, quando ci scegliamo un partner che ripete la "favola" familiare.e non vale solo per il non ce la puoi fare, ci sono anche il ma ti sei vista? con i capelli belli che hai cosa ci fai conciata così? come pure il metti giù quella birra che sono calorie inutili. c'hai le cosce di un bue e fai schifo!

EnergiaCreativa ha detto...

io ho: non uscire senza borsa ...che cazz vuol dire?cmq...ristabilire le simmetrie. io a volte lo faccio con la dolcezza, a volte con la bocca, a volte con una vagonata nei denti...ma lo faccio sempre subito. non aspetto tempo.solo se ha veramente motivi di avermi risposto male...massimo dopo un'ora gli dico calma" quel tono con me non lo puoi usare" vabbè l'è lunga la giornata...

Maddie ha detto...

@Cembolina: io sto zitta, perché sto zitta, perché se dicessi quello che mi viene in mente è la volta che Energia mi censura davvero.....

Gdn ha detto...

Il nutrimento della mente sono le parole, le immagini, in generale i messaggi che il mondo ci propone e che noi stessi creiamo per noi stessi. Se è vero che ad ogni messaggio pertiene una molteplicità di significati, che il significato non è il significante ma è frutto di  quell'atto creativo di cui ciascuno di noi è artefice... direi che "non ce la puoi fare" corrisponde sempre a comunque "secondo me"... secondo chi pronuncia questo messaggio poco nutriente per noi.Per fortuan noi possiamo reinterpretare, ad esempio: "non ce la posso fare secondo il tuo punto di vista, ma non secondo il mio..."E' un'idea no?

danyebasta ha detto...

i miei genitori mi hanno sempre trattata cosi, anche qui al lavoro il capo..i colleghi pensano che non sia in grado di fare, di proporre..forse è x questo che sto per sclerare di brutto..con il mio ragazzo nn mi è mai successo..anzi è lui che mi sprona..xche anche lui ha avuto genitori come gabbie!dany

EnergiaCreativa ha detto...

Gdn...per la maturità di cui tu parli ci vuole l'età credo...Dany...e ora che lo sai...acconsenti??baci a tutte...è bello uscire dalle sedute e trovare i vostri commenti..ho proprio bisogno di un momento.  

movida69 ha detto...

simmetria.che non vuol dire perfezione.il castello meraviglioso dell'imperfezione che fa star benee ti fa scaturire un sorrisobuongiorno principesse!

Cembolina ha detto...

non ho ristabilito le simmetrie con mia madre per 30anni. perché una ingenua come me, per negativo che sia, prende per vero ciò che le dice una madre.forse ora che ho imparato a gestire il senso di colpa, magari col marito e le simmetrie me la caverò meglio. ammesso che decida di tenermelo, il marito ... (qui lo posso anche dire, da me magari è meglio di no, eh?)

EnergiaCreativa ha detto...

cemb: manterrò il segreto....movida..visto che ti piacciono i napoletani, ti risponderò con una frase idiomatica. Principessa...pozza stà tu cumm sta essa. 

adat ha detto...

Fortunatamente,per me che sono abbastanza insicura,mio marito usa solo parole d'incoraggiamento e mi loda quando faccio qualcosa. Come madre,non denigro l'operato nè le capacità dei miei figli.Talvolta,però,l'essere sottovalutati non potrebbe far scattare una certa ribellione che si trasforma in qualcosa di positivo? A chi è abituato alle lodi,il primo fallimento non potrebbe sembrare qualcosa di catastrofico?Colgo l'occasione per esprimere apprezzamenti al tuo blog.Ciao.