Iscriviti ai Feed C4U su Facebook Seguimi su Twitter Seguimi su Istagram Scrivimi Skype Linkedin

Pagine

Chi va da un counselor?

C'è chi lascia e chi prende.

C’è chi ha bisogno di LASCIARE roba che gli fa male: rabbia, tristezza, impotenza e si vuole RiPRENDERE qualcosa che conosceva ma non riesce più a capire dove e quando l’ha persa.

C’è chi viene per AP-PRENDERE qualcosa che non ha mai ancora fatto o avuto il coraggio di fare.


Qualche esempio?

Negoziare, sintetizzare, organizzare, delegare.

Motivare,  presentarsi ad un colloquio di lavoro o ad una festa con persone nuove, saper lavorare in gruppo, gestire le proprie emozioni, riconoscere le proprie emozioni, comunicare in pubblico, o semplicemente migliorare la comunicazione, con i colleghi, il capo, la suocera, il partner o i figli.

O i genitori.


Quando c’è un urgenza, la nave sta per partire, e tu devi salpare…

La psicoterapia ti accompagnerà in futuro a saper navigare in acque profonde.


Nel frattempo col counseling, puoi galleggiare, mettere i braccioli e prendere anche il sole.


Paola Bonavolontà

5 commenti :

EnergiaCreativa ha detto...

davanti ai tuoi commenti mi incanto e smetto di trovare le parole..

Cembolina ha detto...

gestire le proprie emozioni, hai detto? ups! temo proprio di DOVER andare a NY per una seduta di counseling...

EnergiaCreativa ha detto...

Dear harpsichord,se vogliamo una scusa per andare a NY la troviamo...anche piacevole, visto che il mio alloggio ospitante è a Chelsea..(qualche block away dal flatiron building...)io cmq vivo a roma  ..saluti a cucciolo piccolo 

Cembolina ha detto...

oh my god!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! il flatiron building!!!! quel capolavoro di archittettura sghimbescia datato 1903 o giù di lì che, al primo sguardo, mi ha fatto pentire di aver pensato per anni che solo nella vecchia europa ci fosse qualcosa di degno da vedere... roma? mi era sfuggito...  pensa che giusto oggi ho avuto ospiti romani per l'aperitivo e si è parlato di un viaggio a roma...

Cri's ha detto...

C’è chi  ha bisogno di LASCIARE roba che gli fa male: rabbia, tristezza, impotenza e si vuole RiPRENDERE qualcosa che conosceva in passato ma non riesce più a capire dove e quando l’ha persa.